Non chiamarmi di lunedì _ Recensione

Buongiorno lettori,

concludo qui le recensioni che hanno avuto come protagonista Daniela Volontè. Non perchè tra me e lei ci sia una collaborazione, mai conosciuta, semplicemente perchè i libri firmati a suo nome che avevo a disposizione in casa sono finiti.

Per quest’ultimo incontro, vi parlo di Non chiamarmi di Lunedì, anche in questo caso un romance tutto all’italiana che vede come protagonisti Greta e Patrick. Lei è un tagliatore di teste assunto dall’azienda per decimare il personale e Patrick una delle vittime. Se il loro rapporto non parte nel clima migliore, alcune circostanze che li portano a distanza di tempo a rivedersi, li mettono nelle condizioni di rivalutare il loro rapporto burrascoso. Scatta la scintilla, il colpo di fulmine è quasi immediato, l’attrazione sessuale anche più veloce. Iniziano così un rapporto “senza impegno” che neanche loro sanno ben definire.

Greta ha un rapporto conflittuale con la madre, e sebbene sia una professionista affermata decide di cambiare radicalmente lavoro aprendosi una società con la sua collega. Patrick dal canto suo ha un grave lutto alle spalle che lo tormenta da anni e gli impedisce di vivere sereno.

E’ la prima volta che mi capita di leggere un romance in cui il protagonista maschile è di colore. Patrick ha mamma svedese e padre senegalese, il che fa di lui un personaggio maschile diverso dal solito, almeno all’apparenza.

La cosa che ho cominciato ad apprezzare della Volontè è che riesce a tirare fuori delle trame apparentemente da fatti banali. I suoi romanzi non sono impegnativi, non hanno della grande storia e sono bene o male tutti instradati su una forma ben precisa. Eppure riesce a renderli tutti originali, non li scopiazza, dando a ognuno dei suoi personaggi la giusta personalità.

non-chiamarmi-di-lunedi.jpgGreta vive a Milano, Patrik a Roma. Si conoscono quando lei viene ingaggiata dalla Betapharma, la società di Patrik, per occuparsi di un ridimensionamento del personale in un periodo di crisi aziendale. E lui, giovane ingegnere con possibilità di reinserirsi nel mondo del lavoro, è tra quelli destinati a essere messi in mobilità. Quando l’ipotesi diventa una certezza, oltre al posto, Patrik deve dire addio anche alla sua storia d’amore. Greta invece non riesce a troncare un rapporto che non la porta da nessuna parte: Cris, l’uomo con cui ha una relazione, ha una moglie e pare proprio non volerla lasciare. Quando Patrik, ormai fuori dalla Betapharma, decide di concedersi una pausa e andare a trovare degli amici sul lago d’Orta, il caso vuole che incontri proprio Greta, quella che aveva ribattezzato come “la Lady di ferro”…

 

 

Link Amazon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...