Non sai quanto _ Jill Santopolo _ Recensione

Buon pomeriggio lettori,

oggi vi voglio parlare del secondo romanzo scritto da Jill Santopolo, diventata famosa dopo IL GIORNO CHE ASPETTIAMO, libro tradotto in 30 lingue, che si apre con la tragedia dell’11 settembre, momento in cui si conoscono i protagonisti.

Devo premettere che quel romanzo non mi era piaciuto. Non avevo condiviso molto alcune scelte dell’autrice e assolutamente avevo bocciato il finale (mi spiace non potervi rivelare dettagli più approfonditi).

Non sai quanto è un nuovo inizio. Devo dire che mi è piaciuto decisamente di più, sebbene credo di non poter inserire quest’autrice tra le mie preferite.

La trama è piatta, lineare. Non ci sono grandi colpi di scena e alcune situazioni sono molto prevedibili per il lettore. Anche il triangolo amoroso che nasce dalle prime pagine ci fa evidentemente capire da che parte svolazzerà la bandiera. Quindi da questo punto di vista non posso certo dire di aver trovato il libro dell’anno.

Quello che mi è piaciuto in realtà di questo romanzo è il personaggio di Nina, la protagonista e il modo in cui si è evoluta. Ereditiera in ambito alberghiero, sogna di lavorare in politica ma non può farlo perchè il padre muore e lei deve prendersi la responsabilità di mandare avanti l’impero di famiglia, con tutti gli oneri e gli onori che comporta. C’è quindi tutta la parte dell’elaborazione del lutto molto intensa e molto sentita (l’autrice stessa dichiara di aver scritto questo libro dopo la morte di suo padre, quindi seppur non biografico è fortemente empatico). Ma c’è anche la parte della rinascita, quella che avviene quando Nina prende consapevolezza di sè come essere scisso dalla cura paterna. Un padre iper protettivo, sicuramente impegnativo, che l’aveva allevata sotto una campana di vetro con l’unico scopo di far di lei la nuova dirigente aziendale.

Nina quindi impara a conoscersi. Capisce chi è e cosa le piace veramente. Comincia a porsi domande, anche banali, delle quali non aveva mai sentito la necessità e che distruggono completamente il mondo nel quale era vissuta fino ad allora perchè sente di non dover più agire per compiacere suo padre, ma per far felice sè stessa. Ecco che irrompe in azienda con idee innovative, con un piglio sicuramente più intraprendente (non per niente licenzia i vertici e cerca nuovo personale), cambia look e amicizie e mette in discussione la sua storia d’amore con Tim, l’amico d’infanzia, il porto sicuro.

Il tutto avviene nelle tempistiche corrette. Non è un romanzo frettoloso, dove tutti i nodi vengono al pettine in una settimana. La consapevolezza richiede tempo e il coraggio di rinascere richiede elaborazione. Nina affronta tutto con la giusta calma e con le dovute difficoltà. Non è un personaggio superficiale.

E a proposito di personaggi, tutti hanno modo di esistere e di contribuire alla creazione della “nuova Nina”.

Il padre ci viene presentato di più post mortem, quando cominciano a saltare fuori le cose nascoste, i comportamenti celati a una bambina (come i ripetuti tradimenti alla moglie con la quale si faceva vedere amorevole e premuroso in pubblico per non insospettire la stampa). Sicuramente è il personaggi che ha più potere sull’emotività di Nina e ci saranno diversi capitoli in cui lei sarà fortemente arrabbiata col suo ricordo.

Tim, l’amico di infanzia, da sempre innamorato che riesce a insinuarsi nel suo cuore perchè “è la scelta più facile”. Da subito capiamo che questa storia non può funzionare, Nina stessa non ne è convinta e sente più la mancanza del migliore amico che la presenza dell’amante.

Rafael, l’altro. Colui che le fa battere il cuore. Con la sua presenza discreta ma sempre azzeccata, Rafael riesce a conquistare Nina. Insieme si completano, sono entrambi intraprendenti, sicuramente competitivi, ma comprendono le vere esigenze reciproche senza filtri e senza finzioni.

L’amica del cuore, quella che tutti vorremmo avere. Con i suoi consigli spiazzanti e le sue elaborazioni senza peli sulla lingua, diventa l’interprete della mente e del cuore di Nina. Sicuramente ha molta influenza su di lei.

Quindi posso dire che rispetto al primo libro, la Santopolo mi ha convinta di più, mi ha attratta con una storia sentita e vissuta. Ve lo consiglio perchè si legge tutto d’un fiato e perchè il viaggio di Nina per certi versi può essere anche nostro. Come al solito posso affermare che Editrice Nord è una garanzia. Il meglio delle mie letture le trovo qui.

La felicità arriva quando scegli di essere sincero con tè stesso. 

 

non-sai-quantoTutti mentono, persino a se stessi. Nina Gregory era convinta che, nel momento in cui il padre avesse deciso di ritirarsi, lei sarebbe stata pronta a prendere in mano l’impresa di famiglia. Intanto si è costruita una carriera in politica, diventando una delle migliori speech writer di New York. In fondo c’è tempo, il padre rimarrà al timone della compagnia ancora per anni. Invece lui muore all’improvviso e a Nina crolla il mondo addosso: non è affatto preparata ad abbandonare tutto quello che ha costruito, per intraprendere un cammino scelto da altri. Era una bugia. E il problema con le bugie è che, smascherata una, è molto più difficile ignorare tutte le altre. Come le piccole incongruenze del fidanzato, quando le racconta dove ha passato la serata. O i silenzi dei dirigenti dell’azienda, di fronte a operazioni poco limpide. A poco a poco, Nina apre gli occhi su una scomoda verità: la sua vita non era completa e appagante, era solamente falsa. E ora che il suo futuro è appeso a un filo, senza nessuno accanto di cui potersi fidare, è una preda circondata da squali. È quindi arrivato il momento di guardare in faccia la realtà e iniziare a combattere per ciò che vuole davvero.
Perché la felicità arriva quando trovi il coraggio di essere sincera, soprattutto con te stessa.

 

Link Amazon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...